Studio di Psicoterapia del Benessere della Persona e della Relazione

femminile

 Testi di antropologia e psicologia del femminile sacro


 

Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi

C. P. Estés, Donne che corrono coi lupi

Attingendo alle fiabe e ai miti delle più diverse tradizioni culturali, Clarissa Pinkola Estés fonda una psicanalisi del femminile attorno alla straordinaria intuizione della Donna Selvaggia, intesa come forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi. Clarissa Pinkola Estés, psicanalista junghiana nonché maestra indiscussa nella ricerca della felicità per milioni di donne, ripropone in una versione ampliata, aggiornata e ricca di approfondimenti l’intramontabile capolavoro di arte, poesia, psicologia e spiritualità che, dagli anni Novanta, continua ad affascinare e influenzare intere generazioni. La Donna Selvaggia, intesa come forza psichica potente, istintuale e creatrice, lupa ferina e al contempo materna, ma soffocata da paure, insicurezze e stereotipi è la straordinaria intuizione che ha fondato una psicanalisi del femminile.


Merlin Stone, Quando Dio era una donna

M.Stone (2011), Quando Dio era una donna, Venexia
In questa rilettura dei miti religiosi a noi più vicini, l’autrice narra la storia della Dea che ha regnato sovrana tra il Mediterraneo e il Medio Oriente, venerata quale saggia creatrice e fonte di ordine cosmico, e non solo quale simbolo di fertilità e bellezza come la religione giudaico-cristiana vorrebbe far credere. Merlin Stone documenta la lunga fase del contrastato passaggio dai culti matriarcali a quelli patriarcali, culminati con il declassamento della Dea a creatura debole e depravata, come racconta una delle leggende più comuni, quella di Adamo ed Eva. Questo testo è il capolavoro della Stone che ha influenzato generazioni di donne, spingendole a ripensare la propria spiritualità e il proprio ruolo nella società.


Luciana Perkovic, Coleri che dà la vita, coleri che dà la forma

L.Percovich (2009), Colei che dà la vita. Colei che dà la forma, Venexia
La creazione dell’Universo è stata immaginata e raccontata in luoghi diversi, molto prima di Adamo ed Eva, fino ad arrivare a toccare il nostro presente. Una raccolta di straordinari miti di creazione che spaziano dall’Asia all’Oceania, dall’Africa all’America, dal Mediterraneo all’India, da cui emerge come le antiche civiltà abbiano tutte immaginato al femminile l’origine del cosmo. La Madre o la Dea era Colei che dava non solo la Vita ma anche la Forma, ossia le regole e gli insegnamenti indispensabili per continuare la creazione. Prima del Patriarcato, nelle Età dell’oro e dei Paradisi terrestri, le figlie e i figli della Madre sono vissuti seguendo la Via che cerca l’armonia e l’equilibrio tra la natura e le società umane.


Vicki Noble, Il risveglio della dea

V. Noble (2005), Il risveglio della dea. Il potere sciamanico delle donne. La via femminile alla guarigione, Tea
Questo libro si rivolge alle donne perché recuperino quel potere dimenticato che la Grande Madre, la Madre Terra, ha infuso nell’essere femminile. Il potere di creare la vita, di guarire il male, di allontanare la morte. Un potere legato al corpo, alla terra, ai ritmi della natura, dal momento che è proprio dalle profondità dell’elemento fisico e dai misteri dei cicli biologici che la superiorità femminile attinge la propria origine. Lo sciamanismo femminile, pazientemente ricostruito e descritto con ricchezza di particolari storici, dalle culture arcaiche ai giorni nostri, e di richiami alla propria esperienza di guaritrice, è la via che Vicki Noble indica a tutte le donne verso un futuro di consapevolezza, autonomia e serenità.


Marina Terragni

M.Terragni (2007), La scomparsa delle donne. Maschile e femminile e altre cose del genere, Mondadori
Recuperare il valore della femminilità senza rinunciare alla libertà conquistata, vivere a pieno la parità tra i sessi senza perdere la differenza. Un allarme, un appello e una sfida lanciati a tutte le donne; una proposta concreta e spiazzante che fa riflettere e discutere.


Robin Norwood, Donne che amano troppo

R.Norwood (2006), Donne che amano troppo, Feltrinelli
Le difficoltà psicologiche delle donne che vivono in famiglie disturbate affettivamente: alcolisti, tossicodipendenti. Perché amare diviene “amare troppo”, e quando questo accade? Perché le donne a volte pur riconoscendo il loro partner come inadeguato o non disponibile non riescono a liberarsene? Mentre sperano o desiderano che lui cambi, di fatto si coinvolgono sempre più profondamente in un meccanismo di assuefazione.


M. Marcia Grad, La principessa che credeva nella favoleGrad (1998), La principessa che credeva nelle favole, Piemme
Ecco la storia di una principessa che trova il suo principe azzurro ma che scopre, come accade a milioni di donne, che non è tutto azzurro ciò che somiglia al cielo, e che nessun dolore è più atroce di quello inflitto dalla persona amata. Ma una serie di avventure in luoghi fantastici in compagnia di personaggi spiritosi e saccenti la porterà, insieme alle lettrici, a distinguere i sogni dalla realtà, a scoprire chi è davvero e a capire cosa sia veramente l’amore.

Il sito potrebbe contenere cookies per la presenza di link esterni. Continuando la navigazione si accetta quanto scritto. Per saperne di più

Il sito non raccoglie dati personali per uso interno. Gli articoli su questo sito possono includere contenuti (ad esempio link, video, immagini, articoli, ecc.) che, se incorporati da altri siti web, si comportano come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web. Questi siti possono raccogliere dati su di te, usare cookie e integrare ulteriori tracciamenti di terze parti. Il sito silviariccamboni.it non è responsabile del trattamento dei dati personali eventualmente effettuati da tali terze parti, le cui specifiche informative privacy sono riportate nei rispettivi siti.

Chiudi